Serra fotovoltaica

La più grande serra fotovoltaica del mondo è in Sardegna.
Si chiama Su Scioffu, dal nome della località in cui si trova, ed è appena stata inaugurata nel comune di Villasor, vicino a Cagliari.
Ottantamila pannelli di silicio (una volta dismessi, torneranno sabbia come quella del mare) che coprono 35 ettari di serre e producono 20 megawatt di energia elettrica, equivalente ai consumi annuali di circa 10 mila abitazioni.
Si evitano così 25 mila tonnellate di emissioni di C02.
Realizzata con i soldi della regione sarda e di due multinazionali, Su Scioffu ha coinvolto quattro cooperative locali nella gestione e offre lavoro a 90 persone.
Ma è già in programma il raddoppio del progetto.
Spiega Marcelio Spano, l'ingegnere che ha pilotato questa realizzazione: «Installando pannelli solari sulle serre si genera un circolo virtuoso: oltre all'energia pulita, si assume personale e si coltivano frutta e verdura a chilometro zero».
Era una delle tante zone depresse del Campidano, soprattutto dopo che era stato chiuso lo zuccherificio Eridania.
Inoltre, la Sardegna importa circa l'80% dell'ortofrutta che consuma.
Ora si potrà contare su prodotti locali a prezzi competitivi.
La Twelve Energy, società agricola proprietaria del parco, ha già predisposto le coltivazioni di fragole, angurie, meloni, zucchine, pomodori, peperoni, carciofi e una vasta gamma di specie floreali.
È soltanto l'inizio.
Conclude Spano: «Vorremmo evitare gli errori che si sono compiuti per l'eolico.
Per questo coinvolgiamo costantemente i comuni, chiedendo loro di proporre dei piani d'azione nell'ambito delle rinnovabili.
Prima si scelgono le aree produttive, poi si costruiscono gli impianti.
Così si evitano gli sprechi e i costi per trasferire l'energia».

Leggi tutto l'articolo