Sesso in viaggio d'affari, morto di infarto: «È incidente sul lavoro, l'azienda paghi la moglie»

Sposato e in viaggio di lavoro, approfittò della 'solitudine' per fare sesso con una donna nella sua camera d'albergo: poco dopo, quella sera, fu trovato morto, stroncato da un infarto, e la sua scomparsa fu catalogata come «incidente sul lavoro» da varie sentenze, adesso definitive. Per questo ora la sua azienda dovrà pagare un'enorme somma alla famiglia del dipendente, Xavier X., scrivono i media britannici tra cui il Mirror.

Xavier era un ingegnere e lavorava per TSO, una società francese del campo delle ferrovie: la sua morte risale al 2013, quando si trovava a Meung-sur-Loire. Uscito a cena dopo il lavoro, incontrò una donna e la portò nella sua camera d'hotel per fare sesso, ma quella serata finì in tragedia: l'azienda in tribunale ha tentato in tutti i modi di impedire che si archiviasse il caso come morte sul lavoro, ma varie sentenze dei giudici hanno affermato che «un dipendente in viaggio di lavoro è di responsabilità del suo datore di lavoro», indipendentemente da ciò ch...

Leggi tutto l'articolo