Si pensa al Benfica

Domani pomeriggio a Siena il Milan farà a meno anche di Kakà, Pirlo e Oddo.
Ancelotti ha deciso di far riposare i due azzurri e il brasiliano in vista dell'esordio in Champions League di martedì con il Benfica.
"Ci sarà qualche assenza, ma è legata agli impegni avuti e ai viaggi fatti - ha spiegato il tecnico rossonero -.
Pirlo e Kakà non hanno la possibilità di recuperare e resteranno a casa.
Gli altri hanno giocato di meno e sono tutti a disposizione.
Oddo? Ha un affaticamento a un polpaccio ed è meglio che riposi.
Essendoci la partita di martedì, abbiamo optato per non rischiare.
La gara di domani per noi è molto importante, dopo tantissimo tempo abbiamo la possibilità di tornare in vetta alla classifica anche per poche ore e questo ci da grandi stimoli.
La formazione di Mandorlini è una squadra vivace, con la Roma l'ho vista bene sotto il profilo del gioco.
Hanno ritrmo e sono particolarmente veloci, forse difettano ancora un po' in maturità.
Non ci spaventa il fatto di avere qualche problema davanti, non siamo in difficoltà.
Gilardino e Inzaghi sono affidabili e poi abbiamo altre soluzioni come i trequartisti.
Non ci sarà Kakà ma questo non deve costituire un problema; abbiamo la possibilità di dimostrare che le soluzioni alternative non ci mancano".
Ancelotti ha parlato poi del Fenomeno.
"Probabilmente abbiamo sbagliato qualche valutazione, mi e ci dispiace per Ronaldo perché ha tanta voglia di giocare e quindi il più penalizzato è lui.
Siamo tutti in attesa che possa tornare in campo al più presto".
Era stato proprio il tecnico del Milan, la settimana scorsa, ad aver assicurato che il Fenomeno sarebbe tornato in campo proprio nel match di domani.
"Si è fatta confusione perché il recupero è stato più lento del previsto - ha aggiunto Ancelotti -.
L'errore è stato in quei 4-5 giorni in cui non si era capita l'entità dell'infortunio.
Comunque non è un problema serio, è una cosa normale e non c'è stato nessun attrito interno per le condizioni di Ronaldo, le voci sui problemi interni sono tutte invenzioni".
Il Milan senza Pirlo: "Con Andrea noi abbiamo più facilità nel gioco lungo, a vericalizzare la manovra.
Con Emerson invece possiamo avere più protezione davanti alla difesa.
Il brasiliano domani giocherà dal primo minuto, sta bene e si è inserito nel gruppo ottimamente".
Il calendario fitto: "Dire che gli impegni delle nazionali siano per noi un impiccio è assolutamente errato.
Il Milan ha una rosa talmente ampia da sopperire a qualsiasi problema.
L'unico problema inerente a questi [...]

Leggi tutto l'articolo