Sicurezza: vigilantes fuori dai locali più frequentati fino a fine luglio

Cronaca 26/06/2012 Sicurezza: vigilantes fuori dai locali più frequentati fino a fine luglio E' la soluzione proposta nella riunione fra il sindaco e le associazioni di categoria.
Il Comune darà un contributo per pagare i buttafuori e garantire sicurezza ai gestori di locali, ai clienti e ai residenti teatini.
Esperimento fino a fine luglio di Redazione Riunione ieri (lunedì 25 giugno) tra il sindaco, Umberto Di Primio, Confcommercio, Confesercenti e Confartigianato per studiare misure che rafforzino la sicurezza in città.
I rappresentanti di categoria hanno accolto con favore l'idea di lavorare con gli istituti di vigilanza iscritti alla prefettura, cinque in tutto in città.
Spetta a loro, adesso, contattare i gestori dei più frequentati di Chieti per verificare se vogliano aderire.
Il Comune promette un contributo economico per partecipare alle spese per assumere i buttafuori.
L'idea è quella di vigilantes privati davanti ai locali che affianchino l'opera delle forze dell'ordine che hanno già potenziato il controllo del territorio.
Dal giovedì alla domenica, e comunque nelle serate più affollate, i bodyguard garantiranno sicurezza dentro e davanti ai locali ed eviteranno il ripetersi delle aggressioni che hanno acceso le serate in città nell'ultimo mese.
Nei prossimi giorni le associazioni di categoria compileranno una mappa delle zone più calde, quelle in cui sorgono i locali preferiti dai giovani teatini e dagli universitari.
L'esperimento dei buttafuori durerà fino alla fine del mese di luglio, con la partenza degli studenti fuorisede.
Una scadenza che facilmente potrebbe far pensare che la causa dei casi di violenza delle ultime settimane siano proprio gli universitari.
Ma che allo stesso tempo potrebbe dipendere dal fatto che in genere durante il mese di agosto, ad eccezione di qualche particolare evento, la città tende a svuotarsi per ripopolarsi a settembre.
http://www.chietitoday.it/cronaca/sicurezza-vigilantes-privati-fuori-dai-locali.html

Leggi tutto l'articolo