Siena: Chianti d'Autunno (neve permettendo)

Tutto il Chianti in una foglia di vite.
Come avvolto da una stretta di ‘mano’, terra di mezzo per due diverse forme di vita che si incontrano: l’uomo e la terra.
In un’armoniosa fusione di bellezza, energia vitale, cura dei dettagli, profumi, sapori, cultura, antiche tradizioni, passioni concrete.
Le nervature, la dimensione cuoriforme, le tonalità rubiconde, le molteplici potenzialità culinarie, gli effetti terapeutici e le origini agresti: tutto nell’immagine di una foglia di vite (scelta per la campagna promozionale dell’evento) rievoca e ispira i contenuti di Chianti d’Autunno.La quinta edizione di una manifestazione di ampio respiro incastonata nei luoghi del Gallo Nero.
Dal 1 al 12 dicembre la rassegna dedicata alla qualità della vita in campagna torna ad attrarre cittadini e turisti desiderosi di scoprire e lasciarsi incantare da un volto inedito del Chianti.
Un volto che, lontano dall’assedio estivo, mostra ora più che mai la sua vera identità fatta di segni e disegni che stringono legami con il passato, di performance creative che interpretano la contemporaneità, di opere e manufatti che esaltano la tradizione e la sapienza artigianale, di idee, progetti e interventi che immaginano il futuro.Una cinquantina gli appuntamenti confezionati dagli enti promotori (Comuni di Barberino Val d’Elsa, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Gaiole in Chianti, Greve in Chianti, Radda in Chianti, San Casciano in Val di Pesa e Tavarnelle Val di Pesa).
Il ricco cartellone di Chianti d’Autunno si accende sotto i riflettori di una stagione insolita che anche sotto l’ombrello fa spiccare le proprie eccellenze.
Un territorio che travalica le logiche campanilistiche per proporsi, con rinnovata energia, come terra da riscoprire e valorizzare secondo NATURA, ovvero attraverso la riscoperta di ciò che gli appartiene spontaneamente: quel patrimonio di tradizioni culinarie, ricchezze storico-artistiche, risorse paesaggistiche, talenti della comunità che lo rendono vitale e meta di bellezza impareggiabile.
Nelle nervature della foglia si legge la significativa sinergia culturale, la rete di collaborazione intessuta dai Comuni che ancora una volta annullano i confini territoriali per considerare il Chianti come territorio omogeneo, unitario, compatto, percorso da peculiarità e obiettivi condivisi.
I Comuni siglano la realizzazione dell’iniziativa in collaborazione con Apt Firenze e Apt Siena, le Province di Firenze e Siena e con il sostegno di Banca del Chianti fiorentino e Monteriggioni e Consorzio del [...]

Leggi tutto l'articolo