Sienna Miller a Broadway stroncata solo al 90%

Ieri sera Sienna Miller ha fatto il suo esordio a Broadway in After Miss Julie di Patrick Marber (Closer).
C'era molta attesa perché l'incomprensibile Sienna Miller sta tentando di conquistare una credibilità come attrice e non solo come ex fidanzata cornuta di Jude Law.
Non sappiamo perché in Inghilterra la odino così tanto ed è un vero mistero l'atteggiamento dei giornali sempre così ostile nei suoi confronti, ma da una rapida sfogliata dei giornali britannici la stroncatura è totale.
E' stata un vero schifo senza mezzi termini.
Eppure Sienna Miller, che è di New York, è conosciuta oltreoceano soprattutto per il suo lato frivolo modaiolo e commerciale, mentre in Inghilterra ha recitato Shakespeare e girato diversi film indipendenti sfornando anche buone prove.
E' un controsenso: dove fa le cagate la amano, dove si impegna la odiano.
Sul Los Angeles Times però abbiamo trovato un riassunto generale delle reazioni dei critici teatrali e pare che non abbia fatto totalmente schifo, soprattutto per i critici americani.
Per farla breve non ha sicuramente entusiasmato, ma è stata comunque convincente considerando che l'esordio a Broadway non è mai facile.
After Miss Julie di Patrick Marber è una specie di adattamento di Miss Julie di August Strindberg.
Sienna interpreta Julie, una giovane benestante che prende il controllo del patrimonio del padre e si infatua di un giovane autista alla vigilia delle elezioni che nel 1945 hanno portato al potere il partito laburista in Gran Bretagna.

Leggi tutto l'articolo