Siete pronti ad assaggiare il caffè "metal" dei Korn?

Il caffè, ecco una delle bevande più amate dagli italiani (ma non solo) per il suo gusto deciso e per gli aromi sprigionati, in grado di solleticare le papille olfattive e gustative.
Prendiamo quindi il caffè e aggiungiamoci un gruppo nu metal, conosciuto in tutto il mondo, ovvero i Korn: cosa potrebbe venirne fuori? La storica band californiana, ha messo a punto la produzione di una miscela di caffè che porta il loro nome, il “Korn Koffee”.
Non è tra l’altro la prima volta, che vediamo nomi associati al mondo dello spettacolo, intraprendere la strada dell’imprenditoria nel settore food & beverage.
Qualche esempio? Ryan Reynolds con il gin e George Clooney con la tequila.
Ma restando all’interno del mercato del caffè, notiamo come rappresentanti della musica metal, già in passato avevano mostrato interesse nei confronti di questa bevanda.
Uno di questi è stato il batterista degli Aerosmith che aveva aperto una catena di caffetterie, poi chiusa nel 2017, dal nome “Joy Ktamer’s Rockin and Rostin”.
I Korn, sulla stessa scia, hanno ufficializzato il 28 settembre, tramite Twitter, il lancio del Korn Koffee avvenuto grazie anche alla collaborazione con J.
Gursey Coffee.
La bevanda che porta il nome della band nu metal, è una miscela realizzata mescolando chicchi di caffè del Perù, Huehuetenango guatemalteco e caffè Vintage Black Diamond di Gursey del Yirgacheffe etiope.
La miscela “metal” poteva essere acquistata in due versioni: un sacchetto da 340 g di caffè macinato al costo di 14,99 dollari, oppure lo stesso sacchetto con l’aggiunta di una tazza nera marmorizzata al costo di 24,99 dollari.
Il successo è stato tale che la fornitura di questa prima produzione è andata letteralmente sold out.
L’idea di produrre una miscela di caffè, è venuta alla band perché durante i tour consumano grandi quantità di questa bevanda, in grado di fornire energia e carica in diversi momenti della giornata.
“Credo che i nostri fan apprezzeranno il nostro caffè perché ha un certo “kick” – racconta il chitarrista James Shaffer – è qualcosa che abbiamo curato personalmente e a cui abbiamo lavorato per molto tempo”.
Non resta che aspettare la prossima fornitura per assaggiare il Korn Koffee!

Leggi tutto l'articolo