Silenzio, si indaga su Passera

Il superministro indagato dalla procura di Biella per reati fiscali al tempo di Banca Intesa.
Ma tutto (o quasi) tace  (La Presse)Corrado Passera è indagato per reati fiscali? Sabato 30 giugno, La Stampa parla di indagini in corso della procura di Biella su una operazione del 2006 condotta da Banca Intesa e Biverbanca, all’epoca controllata dal gruppo il cui ad era Passera, al fine di abbassare l’importo dell’Ires dovuta, grazie a crediti fiscali maturati all’estero.Da Biella non trapela nulla e lo staff di Passera, nella giornata di domenica 1 luglio, ha replicato: "Non ci risulta".
Oggi però il ministro, raggiunto dal Tg3, dichiara: "Ho letto sulla stampa dell’indagine, non ho elementi ma credo sia una responsabilità in quanto ero firmatario del bilancio di Intesa, ma sicuramente tutto si chiarirà".
Fino a qui tutto bene? Non proprio. E', diciamo così, strano che la notizia sia al riparo da parte di quasi tutta la stampa.
Inoltre, nessuno del "blocco di maggioranza" composto da Pdl, Pd e Udc si è ben guardato dal commentarla.
"Nemmeno la Lega", sbotta su Facebook Francesco Storace.
A La Destra si aggiunge soltanto l'Idv, il cui capogruppo alla Camera Borghesi dichiara: "Il ministro Passera venga in Parlamento e chiarisca in modo convincente la sua posizione in modo tale che possa essere ragionevolmente esclusa una responsabilità diretta nella vicenda.
In caso contrario le sue dimissioni sono inevitabili".
Succederà? Oppure i ministri tecnici - o superministri, nel caso di Passera - sono esenti? 

Leggi tutto l'articolo