Sindacato pompieri denuncia Salvini: "Non può mettere la divisa"

“Onde evitare che si proseguano atteggiamenti lesivi all’immagine del ministero, bloccate immediatamente questo uso improprio che sta generando azioni estemporanee da parte di chi crede che tutto vale e la legge non vada rispettata”.
Questa una parte della lettera di denuncia presentata dalla sigla sindacale Usb dei Vigili del Fuoco nei confronti di Matteo Salvini.
Il ministro dell’Interno, secondo il sindacato, sarebbe colpevole di aver indossato più volte la divisa dei pompieri in occasioni pubbliche.
Un comportamento che costituirebbe una violazione dell’articolo 498 del Codice Penale, che recita: “Chiunque, fuori dei casi previsti dall’articolo 497 ter, abusivamente porta in pubblico la divisa o i segni distintivi di un ufficio o impiego pubblico, o di un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, ovvero di una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato […] è punito con la sanzione amministrativa pecuniaria da 154 euro a 929 euro”.
Costantino Saporito, coordinatore del sindacato, nella lettera di denuncia dopo aver chiesto di fermare questo comportamento del ministro dell’Interno, ha anche suggerito un’alternativa: “Moltiplicate le apparizioni del sig.
Ministro, in divisa, per il massimo della sanzione pecuniaria prevista.
Ce ne sarebbe per tutto il comparto, per un congruo rinnovo del contratto”, ha scritto.
A criticare Salvini per le divise delle forze dell’ordine indossate negli incontri pubblici era intervenuto anche lo scrittore Roberto Saviano, a cui il ministro ha risposto: “Per me ricevere in dono e indossare giacche e distintivi delle forze dell’ordine è un orgoglio! Un riconoscimento del lavoro di questi mesi e del pieno sostegno a chi indossa una divisa.
Mi spiace per Saviano che non può dire e fare altrettanto”.