Sindrome di Edwards

Il 2 luglio 2016 nasceva a Roma un bambino con una grave malattia, la sindrome di Edwards, tanto grave da renderlo incompatibile con la vita.
La madre lo aveva lasciato in ospedale, e i servizi sociali avevano provveduto perché gli fosse dato un nome e fosse adottato.
Ma la grave malattia rendeva questo bambino, che finalmente aveva un nome, Valentino, difficilmente adottabile.
I primi giorni di agosto mia sorella, infermiera presso l’ospedale dove Valentino era stato ricoverato, mi disse che l’assistente sociale e la psicologa si stavano attivando per cercare volontari che si prendessero cura di lui qualche ora a settimana; ‹‹qualcuno che lo prenda almeno in braccio››… Iniziai il mio “pellegrinaggio” in ospedale.
Il lunedì pomeriggio divenne il giorno di Valentino, ricordo l’emozione di vederlo, il timore di non essere in grado di prendermene cura ma l’intuizione profonda del cuore che ero entrata in un progetto straordinario d’amore.
E questo progetto aveva un nome buffo e tenero: Va...

Leggi tutto l'articolo