Siremar, tutto da rifare. Il Tar annulla l'aggiudicazione alla società "Compagnia delle Isole"

Il Tar Lazio ha emesso la sentenza accogliendo il ricorso presentato dalla Società Navigazione Siciliana S.p.A.
(costituita da Ustica Lines e Caronte&Tourist) annullando l’'aggiudicazione della Siremar S.p.A.
in Amministrazione Straordinaria alla Compagnia delle Isole srl, in quanto l’'offerta di quest’ultima si fondava su un illegittimo Aiuto di Stato consistente nel rilascio di una contro-garanzia bancaria da parte della Regione Siciliana.
La Siremar era stata infatti, ad ottobre 2011, aggiudicata alla Compagnia delle Isole dopo una procedura di gara più volte interrotta ed a più riprese riaperta che aveva di fatto consentito alla Compagnia delle Isole di supportare la propria offerta con una garanzia bancaria, inizialmente inesistente, emessa da Unicredit; tale garanzia bancaria tuttavia è emerso fu ottenuta da Compagnia delle Isole soltanto grazie all’'intervento della Regione Siciliana che rilasciò una contro-garanzia alla stessa Unicredit per l’intero importo garantito.
L’'esistenza della contro-garanzia della Regione Siciliana era stata dalla Compagnia delle Isole prima sottaciuta agli organi della procedura (inducendoli quindi ad assegnare la Siremar a Compagnia delle Isole) e poi più volte negata anche nell’'ambito del Giudizio Amministrativo, finquando la Società Navigazione Siciliana è entrata in possesso di copia della contro-garanzia della Regione Siciliana.
Il TAR preso atto della illegittimità dell'’offerta presentata da Compagnia delle Isole ha annullato l'’aggiudicazione di Siremar.
La sentenza ha altresì respinto tutti i motivi di ricorso incidentale presentati da Compagnia delle Isole confermando l'’assoluta legittimità della partecipazione e dell’'offerta di Società Navigazione Siciliana SpA che era quindi l’'unica offerta valida.
A questo punto il Commissario Straordinario potrà decidere di ripetere la procedura di gara vigilando attentamente sul pieno rispetto della normativa nazionale e comunitaria vigente.

Leggi tutto l'articolo