Solicello di Febbraio

Solicello di Febbraio che sorridi lieve lievesulle siepi e sulle case, già si liquefa la neveDopo i giorni oscuri e tetri, il tuo raggio com'è gaioCom'è dolce il tuo tepore solicello di FebbraioSi, vengo da un'epoca in cui le poesie si studiavano ancora a memoria, e quelli come me si riconoscono perchè basta un semplice incipit, e, giù a valanga viene tutto il resto della poesia che è stata imparata e poi messa li in un cantuccio di questa immensa memoria che abbiamo nella nostra piccola testa.Quello che più mi meraviglia è che non c'è bisogno di rileggerla, a volte basta una spolveratina, uno sguardo al modo in cui erano stampate sul libro per rimetterne insieme i pezzi e ritrovarle li, sfavillanti e come nuove.Imparare a memoria non è nozionismo, come dicono gli imbecilli che hanno rovinato la scuola con idee balzane, ma era esercitare la mente, imparare un metodo di studio che sarebbe servito poi da allenamento quando le cose da imparare sarebbero diventate più difficili e non p...

Leggi tutto l'articolo