Solo delusioni per Putin i rapporti con Erdogan e Netanyahu. 

 
 
 

 
Di  Avv. dott. Andrea Atzori
Pare che dopo la presa di Khan Shaykun da parte delle truppe di Assad, l'esercito turco inviato per sostenere nella battaglia i terroristi islamici, nonché gli stessi militanti islamici, siano rimasti accerchiati da tutti i lati dall'esercito arabo siriano, secondo le tecniche in cui eccelle l'Armata russa, da cui i siriani sono stati addestrati. Situazione, quindi, gravissima per Erdogan, che dopo la riconciliazione con la Casa Bianca, è tornato ad essere il nemico numero uno della coalizione della resistenza siriana.
I rapporti complicati tra Putin ed Erdogan fin dall'abbattimento del Su 24 da parte dei turchi, sebbene paressero avviati verso una sempre più stretta collaborazione, fino a palesare un interessamento da parte del presidente turco per l'ingresso nello SCO, si sono invece complicati da quando l'urgenza di disfarsi dei terroristi annidati ad Idlib, protetti dalla Turchia, ha spinto Russia e Siria ad intervenire con i loro eserci...

Leggi tutto l'articolo