Somalia, 4 peacekeeper uccisi in un attacco di Al Shabaab

Quattro peacekeeper ugandesi della forza di pace dell’Unione africana (Amisom) in Somalia sono stati uccisi nell’attacco sferrato contro una base a Bulamarer, a sud-ovest di Mogadiscio, da miliziani islamici di Al Shabaab.
Lo ha dichiarato Ceaser Olweny, portavoce della forza dell’Ua, aggiungendo che i soldati rimasti feriti sono sei.
Da parte loro gli Shabaab, collegati ad Al Qaida, nel rivendicare l’attacco, hanno asserito per bocca del loro portavoce, Abdiaziz Abu Musaab, di aver ucciso ben 59 soldati ugandesi dell’Amisom e di aver perso a loro volta 14 mujaheddin.
Mohamud Jimale, ufficale dell’esercito somalo a Bulamarer, citato da Al Jazeera, ha detto che gli Shabaab hanno subito perdite “molto pesanti” durante l’attacco e sono stati costretti a ritirarsi dopo una battaglia durata diverse ore – sei secondo vari media internazionali.