Sonetti - Quanti poeti.....

V
 
Quanti poeti fanno d'oro il corso del tempo! Alcuni sempre mi son stati cibo della beata fantasia, e di loro bellezze umili o eccelse dire potrei; e spesso quando siedo scrivendo in rima, a torme si presentano innanzi la mia mente, ma nessuna confusione, nessun brutto tumulto formano, è una piacevole armonia. Così gl'innumerevoli rumori ch'empion la sera: i canti degli uccelli, mormorare di foglie, voci d'acque, e la grande che palpita campana solenne al suono, ed altri mille ancora che conoscerli toglie la distanza, dolce musica fanno e non frastuono.  
 

Leggi tutto l'articolo