Sperando nell' arcobaleno sono tempi tristi e piovosi

Bertinotti chiude a Roma: appello agli indecisi di sinistra Nonostante i tentativi di cancellare da questa campagna elettorale la sinistra, noi vogliamo costruirne una aperta a tutti.
È il presidente della Camera, Fausto Bertinotti, candidato premier della Sinistra Arcobaleno, che chiude a Roma la campagna elettorale per la Sinistra Arcobaleno.
Il presidente della Camera chiude la campagna elettorale a Roma, con una manifestazione a piazza Navona.
Non un tradizionale comizio, ma uno spettacolo.
Sul palco ad intervistarlo il comico Dario Vergassola, che inizia subito con una battuta sulla “Sinistra al kashmir”: «Vi presento quest’uomo, devo fare delle domande a Bertinotti che è una persona molto seria ed elegantissima...».
Bertinotti, però, capisce il riferimento e sorridendo risponde con un insulto canzonatorio.
Vergassola ha subito la risposta pronta: «A Vespa non l’avresti mai detto...».
«Beh - sorride Bertinotti - te la sei proprio cercata».
Poi si entra nel vivo della discussione.
Primo punto chiaro: l’appoggio al governo Prodi è stato completo fino all'ultimo.
«La sinistra semmai è stata fin troppo responsabile ed ha provato a cambiare il governo e il Paese anche dal governo», afferma il leader della Sinistra Arcobaleno.
Bertinotti si dice convinto che i partiti della sinistra hanno «semmai ingoiati troppi bocconi amari».
«All'inizio della campagna elettorale sono stato criticato perché non attaccavo il Pd.
Noi non l'abbiamo criticato perché è voluto andare da solo, ma abbiamo spostato il confronto sul terreno politico e cioè su chi possa dare una risposta strategica alle destre e per noi non è il Pd.
La sinistra invece può rianimare il popolo a riprendere un cammino».
Il voto utile «è una droga pesante immessa nella campagna elettorale con cui si pensa di distorcene l'andamento mistificando la realtà », ha detto Bertinotti.
«La competizione - aggiunge Bertinotti - è in una Repubblica parlamentare, in cui tutte le forze politiche che superano le soglie previste entrano a pieno titolo in Parlamento».
Per Bertinotti «il duopolio non è né innocente né neutro.
La presenza e il successo della Sinistra l'Arcobaleno è la condizione preliminare per impedire l'accordo» tra il Pd e il Pdl.
Poi l’appello agli indecisi.
«Mi rivolgo agli indecisi che hanno il cuore la sinistra e che sono indecisi per delusione rispetto alla recente esperienza di governo.
A loro dico: guardate che la stessa delusione vive in noi, ma bisogna ricominciare e trarre una lezione da questa delusione», dice il [...]

Leggi tutto l'articolo