Spiritualità e religione

Facciamo chiarezza, che l'argomento si presta a fraintendimenti...
Quando si parla di religione, viene subito in mente la materia studiata tra i banchi di scuola, una chiesa, o al massimo il Papa.
Se invece nomini la spiritualità, ti danno del buddista, o simpatizzante delle discipline orientali. Premesso che ognuno deve poter essere lasciato libero di scegliere quel che ritiene più giusto per il proprio percorso esistenziale, mi son ritrovata a riflettere su quanto si riveli urticante la necessità di dover dare sempre un nome alle cose.
Il bisogno di etichettare, catalogare, stereotipare.Vai in chiesa tutte le domeniche? Ti confessi? Fai la comunione? Bene...
sei una brava persona...
Diversamente...
resta da decidere in quale bolgia infernale sistemarti (se sei pure separato, in attesa di giudizio, ti collochiamo direttamente tra le bestie di Satana!)A che serve giudicare? E sopratutto, chi siamo noi per farlo? Il rispetto delle convenzioni rende per caso pura un'anima per direttiss...

Leggi tutto l'articolo