Spugna

Come una grande spugna assorbi tutto ciò che ti si riversa addosso, ma dovrai pur rilasciarlo prima o poi da qualche parte  ...
no? No! Per il semplice motivo che ogni cosa, nemmeno a dire che ti oltrepassa, includerebbe già un certo passarti attraverso, ti scivola addosso dal di fuori senza minimamente toccarti, come la pioggia sopra di un impermeabile.
Tu sei perfettamente conscio che non sei li per dare delle risposte ne per risolvere problemi, tutto quello che devi fare è ascoltare (o almeno fingere di farlo) e poi di tanto in tanto sparare qualche salomonica frase, che, vista e considerata la fragilità psichica del dirompente interlocure non potrà che sembrare appropriata, logica, di chi ha capito tutto, anche se in realtà non hai capito un cippo a parte la fragilità stessa del momento, non potresti, nessuno potrebbe, perché c'è troppo dentro la fragilità psichica di chi, di punto in bianco, sbotta.
Che ne consegue? Amicizia? Gratitudine? Perdonami amico mio, se non potendo scoprire la tua password mi tocca metterti alla prova come farebbero gli antichi.
Continuerò e continuerò, perché sei la mia cavia migliore, la più bella.
Puoi sottrarti se vuoi, nessuna gabbia ti costringe, ma io ...
mi sbaglierò ...
ma credo che ci provi un certo gusto nel farti analizzare.
squit squit

Leggi tutto l'articolo