Step One: the plumber...

Non ridete, oggi mi andava un titolo in inglese e siete fortunati che ho qualche problema con i caratteri Kanji.
Insomma: attacco di esterofilia.Sì, oggi avrei voluto essere in qualunque altra parte del mondo e invece...
straccio, ramazza, scala, sgrassatori vari e via di olio di gomito a pulire il vecchio appartamento che dovrà essere pronto per i nuovi inquilini.
Molto probabilmente saranno inquiline, studentesse mormora radio scarpa, ma vi saprò dire...Così, dopo una giornata e mezza passata a pulire (le casalinghe meriterebbero un monumento), sono a pezzi.
Porcaccia miseriaccia ladra: mai più una simile sgobbata.
La prossima volta chiamo un'impresa di pulizie, rimango a guardare e magari mi metto pure a fare il rompiscatole.Per chiudere: il plumber, cioé l'idraulico, ha quasi finito il primo bagno.
Montata la vasca, sistemati gli scarichi, posizionati i tubi nuovi.
Ha già messo mano a quelli della cucina, che pure lì c'è qualcosa da rifare.
Poi toccherà al piastrellista.
Speriamo bene.Per un paio di giorni sarò a zonzo.
Pregherò nel frattempo, sperando che non combinino troppi casini con i muri da abbattere.Come sempre Buona giornata.
Trespolo.PS: stamattina ho fatto le croci sui muri da abbattere...
e non ridete che è una cosa seria!

Leggi tutto l'articolo