Storia , sensazioni ed emozioni di V.

Ho ricevuto una lettera con questa storia...
Questa è la storia di V., una transgender Questa è la storia della mia vita.
Mi chiamo V., ho 39 anni e da circa due anni ho iniziato il percorso di adeguamento di genere per diventare donna ! Sono nata con attributi maschili , ma fin dall’età di 5/6 anni ho iniziato a provare un senso di disagio interiore e di estraneità nei confronti del mio genere sessuale di appartenenza.
Data l’età molto giovane non ero in grado di capire il motivo di questo disagio ma sentivo interiormente di non appartenere totalmente al genere maschile , al contrario desideravo essere una femminuccia , e la notte quando andavo a dormire pregavo con la speranza di potermi risvegliare come bambina.
Per onestà devo dire che la mia infanzia è stata vissuta serenamente , con due genitori che hanno sempre fatto quanto era loro possibile per non farmi mancare ciò che ogni bambino ha diritto ad avere ! Ovviamente era impossibile che potessi risvegliarmi come bambina e quando iniziai a capirlo iniziai a rassegnarmi a dover vivere la mia vita come maschio.
Ho sempre tenuto dentro me questo segreto senza mai rivelarlo neppure ai miei genitori , non so il perché , forse paura , confusione, in ogni caso quali che siano i motivi ho sempre tenuto nascosto il mio segreto.
L’unica valvola di sfogo era il travestimento , appena possibile indossavo gonne e indumenti femminili che mi trasmettevano una sensazione di appagamento, almeno temporanea , poi nella vita normale facevo il macho senza concedermi nessun atteggiamento effeminato, stando molto attenta a che il prossimo non potesse scoprire qualcosa su di me .
E’ possibile vivere una vita in un corpo e in un ruolo di genere che ti è stato assegnato dalla nascita ma che non senti tuo ? Io credevo di poter convivere con il disagio anche se sapevo che il prezzo da pagare sarebbe stato molto alto , DOVEVO RINUNCIARE AD ESSERE ME STESSA ! Durante gli anni passati ho cercato quindi di reprimere e sono riuscita a crearmi un’esistenza all’apparenza “NORMALE” avevo un buon lavoro che mi permetteva una vita agiata e grazie alle mie doti di iniziativa imprenditoriale avevo persino creato una mia attività commerciale partendo nel 2000 con soli 5 milioni di lire e arrivando ad un fatturato di 300'000 euro nel 2005.
nel contempo ho persino messo su famiglia sposando una donna verso la quale provavo e provo ancora oggi un affetto profondo a prescindere da ciò che io sentivo di essere.
Ho avuto anche un figlio , uno splendido bambino , con queste premesse [...]

Leggi tutto l'articolo