Storia Nostra 111-115

Storia Nostra Cesare Pascarella (1858 - 1940) CXI Regazzi! Eppure, vedi, io so’ sincero, E te dico che quanno venne er giorno Che tutto quanto quer che c’imparorno Per burla ce toccò a fallo davero, A queli vecchi, che je stamio intorno Da piccoli, e nun ce pareva vero, Ma sai quanti de noi cor suo pensiero A queli vecchi lí ce ritornorno? Perché va bene che quann’uno agisce Da piccolo, che tante cose in genere Le fa senza che lui te le capisce; Ma dopo, quanno viè’ l’età matura, Quer che j’hai messo ne le carne tenere Je resta impresso ne la nervatura.
CXII E per questo è che poi tante persone De quelle riverite e rispettate, Che da le cose appena cominciate Sapeveno capí la conclusione, Quanno se presentava l’occasione A casa, je diceveno: - Badate, Queli regazzi nun ce li mannate Co’ quello, perché quello è un frammassone.
- E nojantri, pe’ méttece pavura, Ce diceveno sempre: - Statte attento Che quello lí sta drento a la congiura.
- Ma noi che ce se stava in confidenza E che ce se ruzzava ogni momento, Figurete si noi je damio udienza.
CXIII Ma intanto ce provaveno.
Ma puro Si loro nun ci avessero provato, Fino che nun se fosse presentato Uno capace a prevedé’ er futuro, Caro amico, potevi esse’ sicuro Che ognun de noi sarebbe sempre stato Chissà per quanto tempo condannato A nun mòvese o a mòvese a l’oscuro.
Perché va bene che restanno insieme Co’ queli vecchi de Napoleone Avemio ricevuto er primo seme, Ma bisognava poi che tutta quanta Quela semenza fosse in condizione De fa’ sortí de fora la sua pianta.
CXIV E invece? Invece nun sortiva gnente.
Perché, va bene, l’intenzione c’era; Ma poi qual era er modo e la maniera? Chi ce l’aveva scritta ne la mente? Nessuno.
Perché tutta quela gente, Fàmese a parlà’ chiaro, era sincera, Faceva mille cose diferente Una dall'antra, ma nissuna vera.
La vita de quer tempo la sapete, Qual era? Concigliaboli a lo scuro, Sette, congiure e società segrete.
Lo so, se potrà dí: tutto fa brodo; Lo capisco, ma poi capisco puro Che nun er davero quello er modo.
CXV Nun era quello.
No.
Ma, poveretti, Pure loro fra quela confusione, Senza la luce de ’na direzione, Senza sapé’ dov’ereno diretti, Che poteveno fa’? Si ce rifletti, Je potrai sempre da’ torto o ragione; Ma poi devi vení’ a la conclusione Che a quella vita c’ereno costretti.
Dunque bisogna di’ che fin a tanto Che nun se fosse visto e conosciuto Uno che rischiarasse tutto quanto, Tutta la vita loro era compagna A quella d’uno che se sia sperduto Solo de [...]

Leggi tutto l'articolo