Storia nostra 96-100

Storia Nostra Cesare Pascarella (1858 - 1940) XCVI Prima, dopo d’avelli incatenati, Li daveno in consegna a l’aguzzino, Che je portava via li connotati Naturali der sesso mascolino; Poi dopo avelli bene carosati, Je faceveno cresceje er codino, Je metteveno in testa un berrettino D’oro co' li fiocchetti inargentati; Je sbucaveno er naso co’ l’anelli, J’infilaveno un par de carzoncini De raso a sbuffi co’ li campanelli; E je toccava, tutto er giorno sano, A annà’ de corsa a sbatte’ li piattini Co’ le gnacchere appresso ar gran surtano.
XCII Tu ce ridi? Ma intanto io te risponno Che quelli che vedevi sottomessi Da li turchi, framezzo a quel’eccessi, A vergogne che poi manco se ponno Ridille; si ce pensi bene, in fonno, Bisogna che me dichi e me confessi Ch’ereno gnentemeno quelli stessi Che aveveno dettato legge ar monno: Quelli stessi che usciveno dar Foro E giraveno la circonferenza Der monno come fosse casa loro; E che dopo avé’ vinto er monno sano, Ci aveveno avuto la potenza De fallo diventà’ impero romano.
XCVIII E quello che te sto dicenno adesso Chiunque lo pô sempre confrontallo Quanno je pare e piace, da se stesso Guardanno Marco Aurelio sur cavallo.
Defatti nun t’è mai rimasto impresso, ’Gni vorta ch’hai finito de guardallo, Er modo come lui c’è stato messo A Campidojo in cima ar piedistallo, Sopra un cavallo che nun ci ha le brije For de qualunque usanza regolare? Perché avrebbe potuto sempre dije, Quanno voleva, a quer cavallo suo: Porteme puro un po’ dove te pare, Tanto dovunque giri er monno è tuo.
XCIX Vita beata de terra promessa! Che faceveno? Tutte le matine Giraveno pe’ Roma a servì’ messa Pe’ véde’ de scolasse l’ampolline.
E poi su ’na vittura de rimessa Portaveno l’ingresi a le Rovine De Roma Vecchia, immezzo a le vaccine; E poi magara ne la notte stessa Vestiti co’ li fiori sur cappello Faceveno er bengalle ar Coliseo Pe’ ballaje davanti er sartarello; E poi dopo sonato er mandolino Je spiegaveno Cesere e Pompeo, E giraveno intorno cor piattino.
C E si mai ce scappava l’amatore Che je comprava quarche catenella Cor brelocche de quarche imperatore, Quarche patacca o quarche madonnella, Allora, co’ l'ajuto der Signore, Se n’annaveno a spasso in carrettella, Oggi a la festa der Divin Amore, Domani a quella de l’Annunziatella; Oppure co’ la moje e er pupo in braccio, Se n’annaveno a fa’ le passatelle Sotto a li pergolati de Testaccio.
Ma un ber giorno fra mezzo a l’ottobrate, Li canti e l’eco de le tamburelle, S’intesero [...]

Leggi tutto l'articolo