Stradafacendo. L'uomo che parlava ai piccioni

Monreale - Aveva evidenti difficoltà di movimento.
Arrivò accompagnato da una giovane donna - forse la figlia - e sedette su una panchina della villetta davanti al duomo.
La donna gli portò un pane e se ne andò: pensai dovesse fare colazione sotto il tiepido sole autunnale.
Invece lo ridusse a pezzettini e cominciò a lanciarlo ai piccioni.
Se ne raccolsero a decine e lo avvolsero in un turbinio.
L'uomo cominciò a sorridere e dimenticò le sue difficoltà di movimento.
Forse cominciò a volare con loro.
 

Leggi tutto l'articolo