Strage di Ustica: Chi sono i veri colpevolli ??????

Strage di Ustica   (E morte in volo dei due piloti delle Frecce tricolori)    Strage di Ustica Stato  Italia Obiettivo possibile intercettazione di velivolo sconosciuto in volo nei pressi dell'I-TIGI.
   Tipo incidente aereo Morti 81 (77 passeggeri e 4 membri dell'equipaggio) Responsabili ignoti Sospetti aviazione straniera Motivazione ignota (sospetto errore durante azione militare)   La strage di Ustica fu un disastro aereo avvenuto venerdì 27 giugno 1980, quando un aereo di linea Douglas DC-9 della compagnia aerea italiana Itavia,decollato dall'Aeroporto di Bologna e diretto all'Aeroporto di Palermo, si squarciò in volo all'improvviso e scomparve in mare presso le isole tirreniche di Ustica e Ponza.
Nell'evento persero la vita tutti gli 81 occupanti dell'aereo.
Molti aspetti di questo disastro, a partire dalle cause stesse, non sono ancora stati chiariti.
Nel corso degli anni sulla strage di Ustica si sono dibattute principalmente le ipotesi di un coinvolgimento internazionale (in particolare francese, libico e statunitense), di un cedimento strutturale o di un attentato terroristico (un ordigno esplosivo nella toilette del velivolo); si è anche supposto un eventuale collegamento con la strage di Bologna, avvenuta soltanto 35 giorni dopo, e dal cui aeroporto era decollato l'aereo dell'Itavia.
Nel 2007 l'ex-presidente della Repubblica Cossiga, all'epoca della strage presidente del Consiglio, ha attribuito la responsabilità del disastro a un missile francese «a risonanza e non ad impatto» destinato ad abbattere l'aereo su cui si sarebbe trovato il dittatore libico Gheddafi.Tesi analoga è alla base della conferma, da parte della Corte di Cassazione, della condanna al pagamento di un risarcimento ai familiari delle vittime inflitta in sede civile ai ministeri dei trasporti e della difesa dal Tribunale di Palermo.
I procedimenti penali per alto tradimento a carico di alcuni esponenti dei vertici militari italiani, cui si ascrisse che avrebbero ostacolato le indagini, si sono conclusi con l'assoluzione degli imputati.
La compagnia Itavia, già pesantemente indebitata, cessò le operazioni il 10 dicembre, il 12 dicembre le fu revocata la licenza di operatore aereo (su rinuncia della stessa compagnia), e nel giro di un anno si aprì la procedura di fallimento.
  Ricostruzione dell'accaduto Alle 20:08 del 27 giugno 1980 l'aereo DC-9 immatricolato I-TIGI decolla per il volo IH870da Bologna diretto a Palermo due ore dopo il previsto, perché ha accumulato ritardi nei voli precedenti; una volta partito, si svolge [...]

Leggi tutto l'articolo