Strozzapreti con sugo di cozze, vongole e gamberi

.
Gli strozzapreti sono un'antica, tipica, pasta corta da cuocere italiana, a forma di grossi cannelli lunghi un pollice e perciò non sempre agevoli da consumare (da cui il nome, che allude malignamente alla proverbiale golosità dei preti), caratteristica [...] .
 Ingredienti per 4 persone  440 gr.
di strozzapreti per il sugo: 500 kg.
di di pesce (gamberoni, seppioline, cozze¹, vongole, gamberetti), 3 spicchi d'aglio, 1 bicchiere di olio, pomodorini, mezzo bicchiere di vino bianco secco, farina di castagne q.
b.
(o farina di grano), prezzemolo tritato, sale e pepe Preparazione Preparare gli strozzapreti: Disporre la farina a fontana, con un pizzico di sale e uno di pepe.
Aggiungere 3 o 4 decilitri di acqua e impastare fino a ottenere una massa morbida e liscia.
Lasciarla riposare 10 minuti, avvolta in una pellicola.
Tirare una sfoglia spessa circa 2 mm.
Arrotolare la pasta sul matterello, sfilare e tagliare delle strisce di circa 1,5 cm di larghezza.
Inumidirsi le mani e arrotolare la pasta tra i due palmi, poi romperla a una lunghezza di 8-10 cm.
isporre gli strozzapreti su vassoi infarinati, cuocerli in abbondante acqua salata.
Preparare il sugo di pesce: Fare soffriggere in una pentola larga e bassa gli spicchi d'aglio, che poi saranno eleminati, in 1 bicchiere d'olio.
Unire quindi pomodorini, sale, pepe e 1/2 bicchiere di vino bianco secco.
Quando il vino sarà quasi completamente evaporato unire il pesce.
Fare cuocere a fuoco basso senza coperchio per 20 minuti circa.
Spolverizzare un po' di farina per creare una cremina che leghi il sugo.
            Unire, quindi, gli strozzapreti cotti al dente ed un cucchiaio di acqua di cottura della pasta.
Mescolare delicatamente o, per chi ne è capace, far saltare.
Lasciate riposare qualche minuto.
Come pulire gamberi e scampi: code e interi (video) Come pulire le cozze: Eliminate le cozze con gusci rotti o aperti.
Mettete le altre in una bacinella o altro recipiente e, nel lavello, spazzolatele a una a una sotto acqua fredda corrente.
Raschiatele con il coltello per eliminare le incrostazioni sui gusci; eliminate anche, stringendolo fra lama del coltello e polpastrello del pollice e tirando, il ciuffetto di peli che sporge da una parte.
Sciacquate le cozze nella bacinella, facendovi scorrere acqua fredda abbondante; scolatele con le mani e procedete alla cottura.
(video) Differenza tra gamberetto e gamberone Differenza fra gamberi, scampi, e mazzancolle Vino Bianco: Trebbiano di Romagna, Chardonnay (Friuli), Verdicchio (Marche), Gavi (Piemonte), Vermentino [...]

Leggi tutto l'articolo