Sull'assoluto, portatore di neoschiavistica dipendenza

 
Sulla convenzione assoluta
dell'anno-luce
ovvero:
Sulla produzione di "materia oscura"
Vedi anche "La terra non è il cielo"
 
Se si prova a immaginare l'esistenza nel mondo di una convenzione assoluta (o di una legge di natura assoluta, o di una legge giuridica assoluta) ci si accorge che tale esistenza eliminerebbe il divenire. In un simile mondo l'ente non sarebbe neanche il contrario del niente. Infatti allora sarebbe normale per il creatore di tale legge ammazzare il fratello che non la ubbidisse (mitologico fratricidio di Romolo e Remo), o sequestrare donne per averle nel proprio territorio (ratto delle sabine). In un simile mondo non ci sarebbero camaleonti che cambiano colore, né elefanti diversi da mammuth. In pratica non ci sarebbe evoluzione, e parole come "MA IO VI DICO" dette dal Cristo non avrebbe alcun valore. Ogni convenzione si chiama così perché molte persone liberamente vi convengono per convenienza conviviale. Da ciò poi nascono le leggi, le quali storicamente camb...

Leggi tutto l'articolo