Svolta nelle protesi robotiche: creato il primo impianto stabile

Milano, 5 feb.
(askanews) - L'impianto di una mano robotica creato grazie ad un progetto europeo guidato dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa segna una svolta nella ricerca sulle protesi artificiali.
Si tratta del primo impianto transradiale (sotto il gomito) stabile e permanente per il controllo di una mano robotica.
In un intervento chirurgico pionieristico sono stati innestati impianti in titanio nelle due ossa dell'avambraccio (radio e ulna) di una donna svedese, sfruttando la tecnica dell osteointegrazione combinata alle interfacce muscolari.
Attraverso sedici elettrodi inseriti nei muscoli della paziente sarà possibile estrapolare una quantità maggiore di informazioni permettendo un controllo più efficace della mano robotica.
Gli elettrodi impiantati nei nervi invece faranno recuperare alla donna le sensazioni tattili perdute dopo l'amputazione.
Il progetto di ricerca europeo si chiama DeTOP (Dexterous Transradial Osseointegrated Prosthesis with neural control and sensory feedback), è coordinato dall'Istituto di BioRobotica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e finanziato dalla Commissione Europea all interno del programma Horizon 2020.

Leggi tutto l'articolo