Syngonanthus "Belem"

Syngonanthus "Belem" sp.
narrow leaf   Ecco un'altra specie a mio avviso unica, sicuramente tra le mie preferite e che rimpiango di aver scoperto solo ora! Conosciuta anche come "Tonina", appartiene alla famiglia delle Euriocaulaceae.
Ha foglie allungate e strette in verticilli, più concentrati agli apici, di un verde brillante.
La crescita in altezza è media, visto che la pianta utilizza gran parte delle risorse per emettere getti laterali che, una volta raggiunta la lunghezza di 4-5 cm possono essere staccati e ripiantati.
Come tutte le Eriocaulaceae, la sua coltivazione è impegnativa.
E' sensibilissima a carenze di ferro e microelementi, per questo li somministro quotidianamente.
In carenza di questi ultimi le foglie ingialliscono subito.
Preferisce un fondo acido.
La vasca dove la tengo attualmente è la stessa dove ho anche Eriocaulon setaceum, quindi per le caratteristiche vi rimando al post sul setaceum stesso.
Non sembra soffrire troppo anche in penombra, ma sicuramente la difficoltà di questa pianta sta nella fertilizzazione che deve essere abbondante.
Può essere utilizzata per formare folti ciuffi sullo sfondo, oppure al centro della vasca, con opportune potature a salire verso il retro.
L'effetto delle "chiome" in cima ai fusti è unico e ricorda un po' la figura di un pino.
Sicuramente una pianta non impossibile da tenere in vasche piuttosto spinte, sarebbe bello vederla negli allestimenti italiani! Purtroppo anche questa specie è nell'ombra sia per l'irreperibilità, sia per le difficoltà (ma nemmeno troppe) nella coltivazione.
Foto di due getti laterali appena ripiantati in Aqua soil Amazonia:    

Leggi tutto l'articolo