TEST IMOLA SUPERBIKE

imola/sbk Imola.
grandissima giornata di motociclismo sulle rive del Santerno.
Dopo (troppi) anni di attesa e di incertezze sul futuro del circuito.
Ritornano le superbike! E lo fanno in grande stile.
Presenti tutti i team ufficiali e quelli privati più forti invitati a provare le gomme Pirelli e visionare la pista dopo la modifica alla variante bassa, completamente ridisegnata rispetto al passato.
I protagonisti del mondiale, assente haga ancora sofferente dei postumi della caduta di donington, come sempre se le sono date di santa ragione.
Spies e Fabrizio hanno spremuto al massimo le loro cavalcature, risultando a fine giornata rispettivamente secondo e primo.
Dietro di loro un ritrovato Rea, che dopo le opache gare casalinghe di Donington, torna a far volare la sua honda cbr1000rr come a Misano.
Che sia l' aria romagnola a far bene all' irlandese? Oppure una pista che in tutto e per tutto sembra uno dei loro tracciati stradali che tanto a cuore stanno ai britannici? Xaus porta la Bmw al quarto posto, risultato straordinario frutto del manico dello spagnolo e delle novità che ha portato la casa bavarese.
Si rivede neukirchner dopo il drammatico incidente di Monza, il tedesco ha voglia di guidare e i spettatori lo vedono transitare per ben 60 volte! Male Max Biaggi che ammette di non digerire le modifiche al circuito che nel 1997 lo vide vincitore in 250 con la honda.
Per lui il 17esimo  tempo.
Meglio di lui ha fatto il suo compagno di squadra Nakano dodicesimo a fine turni.
Da segnalare il nono posto di Lanzi in netta crescita con la Ducati del team DFX.
Il ritorno dei rombi delle derivata ha attirato un folto pubblico fra le tribune imolesi.
Piene quelle poste alla "nuova variante bassa".
La nuova variante era, chiaramente, sotto esame e non a tutti è piaciuta.
Troppo lenta per alcuni.
Scivolosa per altri.
L' aggettivo scivoloso è stato usato anche per descrivere l' asfalto, ormai vecchio e usurato.
Domani ultimo giorno di test.
E possiamo scommettere che Fabrio e Spies test o gara che sia vorranno stare davanti.
M.M.
1 84 Fabrizio M.
(ITA) Ducati 1098R 1'49.164 2 19 Spies B.
(USA) Yamaha YZF R1 1'49.262 3 65 Rea J.
(GBR) Honda CBR1000RR 1'49.684 4 111 Xaus R.
(ESP) BMW S1000 RR 1'49.823 5 7 Checa C.
(ESP) Honda CBR1000RR 1'49.842 6 67 Byrne S.
(GBR) Ducati 1098R 1'50.305 7 66 Sykes T.
(GBR) Yamaha YZF R1 1'50.402 8 91 Haslam L.
(GBR) Honda CBR1000RR 1'50.586 9 57 Lanzi L.
(ITA) Ducati 1098R 1'50.797 10 71 Kagayama Y.
(JPN) Suzuki GSX-R 1000 K9 1'50.861 11 9 Kiyonari R.
(JPN) Honda CBR1000RR 1'50.868 12 56 Nakano [...]

Leggi tutto l'articolo