TIFO ALLE STELLE

Di me e Kyo ormai sapete tutto o quasi.
Compagni di merenda e non solo, abbiamo consolidato negli anni un’Amicizia che ci ha regalato ricordi meravigliosi legati ai numerosi viaggi fatti in giro per l’Italia.
Ne abbiamo combinate tante assieme, ci siamo divertiti come matti in passato, girando ad esempio scatch esilaranti che ormai fanno parte del nostro DNA e chi temeva che dopo la nascita di pupottolo tante cose sarebbero cambiate, ha dovuto ricredersi.
Ovviamente pensiamo ancora in grande, ad unirci ci sono importanti progetti perché non vorremo certo essere ricordati solo per le nostre imprese a tavola… Non siamo uguali in tutto per tutto, su alcuni argomenti le nostre opinioni divergono ma tra noi non manca mai il dialogo e la voglia di condividere sempre qualcosa di nuovo: così è stato anche per la pallavolo.
Come ormai saprete, da anni il mio caro Amico è un grande tifoso delle ragazze del Chieri volley e secondo voi poteva non rendermi partecipe di questa sua passione? Grazie al suo coinvolgimento, lo scorso anno ho avuto modo di assistere a diverse loro partite, tifando come se io stesso le seguissi da sempre… e così è stato anche in occasione dell’ultimo match disputato in casa domenica scorsa.
A dire il vero non avevamo grandi speranze di vittoria, scontrandoci contro le detentrici del titolo europeo, che schieravano in campo 5 titolari della nazionale italiana su 6, ma un’eventuale sconfitta avrebbe significato la retrocessione matematica, quindi dovevamo per forza far bene, sperando in un passo falso di chi ci precedeva in classifica.
Il pubblico era quello delle grandi occasioni: il palazzotto era gremito di gente, il tifo alle stelle.
Il primo set, purtroppo, ha visto il dominio assoluto della Foppapedretti Bergamo e a giudicare dalla semplicità con la quale le nostre avversarie andavano a punto, ho pensato che avremmo potuto chiedere a Sara e Daniela, rimaste a casa, di preparare il the, convinto che saremmo rientrati prima del previsto.
Una timida reazione nel secondo set non è bastata a capovolgere il risultato finale: la partita sembrava già segnata, per fare merenda era tardi ma a casa potevano tranquillamente iniziare a scaldare l’acqua per la pasta… Lo ammetto, non eravamo molto ottimisti ma il bello doveva ancora venire perché nel terzo set qualcosa è scattato nella mente delle nostre giocatrici che, oltre a conquistare punti uno dopo l’altro, hanno evitato ogni sorta di distrazione, mostrando un bel gioco.
Sul risultato di 23-23, due punti ci separavano dalla disfatta [...]

Leggi tutto l'articolo