TIFOSI VERONA

 Lucchese Vi Presenta  VERONA i tifosi d'Italia, Serie A, Serie B, Lrga Pro Prima Divisione, Lega Pro Seconda Divisione, Serie D Una volta erano i guerrieri di Verona.
Oggi la generazione delle Brigate Gialloblu sul viale del tramonto, ma i giovani hanno ereditato la reputazione di questo gruppo, uno dei piu' temuti, rispettati e imitati del panorama ultras italiano.
Le BG, trascorsi venti anni intensissimi e frenetici, sono stati costretti a sciogliersi.
Dopo e' un'altra storia.
Piu' tormentata, con alti e bassi.
Le BG, uno dei primi gruppi ultras italiani, sono diventati un riferimento da seguire nel mondo curvaiolo: la loro mentalita' british, il sendo d'onore per la citta', la passione per l'Hellas.
Il gruppo ha vissuto venti anni ad altissimo livello, fino a quando la sua attitudine non era piu' al passo con la realta', impenitenti nel loro modo di essere fino al 1991.
A quella sentenza che ha condannato le BG come associazione a delinquere e alla valanga di diffide del dopo Cesena-Verona, altro momento critico nella storia delle Brigate, quelle del dopo scioglimento, quando la vecchia guardia, ripreso in mano la curva, pensava di riaprire un'altra pagina storica.
Come ha scritto Silvio Cametti, l'autore dello splendido I guerrieri di Verona, le Brigate Gialloblu sono state croce e delizia per la citta' scaligera, aggregando centinaia di giovani che hanno provato motivazioni, emozioni forti e trasgressioni dietro quelle storiche insegne BG '71, che venivano prima anche dell'Hellas (Siamo i tifosi delle Brigate precisavano).
La particolarita' delle BG e' stata quella di diventare il gruppo piu' avversato e guardato d'Italia (da qui la frase, contro le ipocrisie e i compromessi:Noi odiamo tutti), senza lasciarsi trasportare dai successi della squadra, che negli anni '70 era quella scassinata di Zigoni e Busatta.
Nell'anno dello scudetto del 1984 del magistrale Verona di Bagnoli, la curva scaligera rafforzera' la sua reputazione che era gia' cresciuta sulla scena ultras euorpea.
Ma cominciamo dalle radici.
I tifosi piu' vivaci nel 1969 si ritrovavano dietro lo striscione I 4 Fedelissimi, embrione delle Brigate che nacquero ufficialmente nel novembre del 1971 come Calcio Club Verona Brigate Gialloblu (la dicitiura si attribuisce alla valenza politica che quel nome aveva all'epoca, si sospetta su idea di qualche tifoso allora collocato a sinistra, mentre tra i nomi scartati c'era quello di Commandos Fedelissimi Gialloblu, per non imitare il gia' esistente Commandos Tigre a Milano).
Una delle prerogative delle Brigate [...]

Leggi tutto l'articolo