TIME NOMINA OBAMA 'PERSONAGGIO DELL'ANNO' 2008

In finale anche il presidente Sarkozy l'ex premier Tony Blair e Sarah Palin                                                           WASHINGTON - Un presidente eletto che si prepara "con una calma alla Obi-Wan Kenobi", il vecchio saggio di Gerre Stellari, ad affrontare una terrificante lista di problemi planetari.
Così Time ritrae Barack Obama, penetrando nel riserbo del suo spoglio ufficio a Chicago per raccontare la 'Persona dell'anno 2008'.
Il magazine è stato costretto a una scelta scontata per la copertina più importante dell'anno, ma ne ha approfittato per svelare un Obama inedito, lontano da quello della grande retorica e dei bagni di folla elettorali e impegnato a offrire all'America, soprattutto, competenza.
Poche volte dal 1927, quando è cominciata la tradizione, la redazione di Time si è trovata di fronte a un candidato al titolo di personaggio dell'anno più 'inevitabile' di Obama.
Il dominatore delle cronache mondiali del 2008 ha battuto di larga misura un quartetto di finalisti costituito dal ministro del Tesoro Henry Paulson, alle prese con la peggior crisi economica dall'epoca della Depressione; il presidente francese Nicolas Sarkozy, "che ha rimesso la Francia sulle mappe", come scrive su Time l'ex premier britannico Tony Blair; la governatrice dell'Alaska Sarah Palin, che ha conteso i riflettori della campagna elettorale a Obama nei due mesi prima del voto; e il regista cinese Zhang Yimou, che ha incantato il mondo con le cerimonie dei Giochi di Pechino e si è assicurato, nelle parole del collega Steven Spielberg, "un posto nella storia".
Tutti candidati forti, ma stavolta non c'era competizione.
La vera sfida di Time è stata dire qualcosa di nuovo su un personaggio il cui cognome su Google offre 300 milioni di risultati.
Il magazine ha risposto al dilemma offrendo in primo luogo un pacchetto multimediale nel quale la rivista cartacea è solo un ingrediente.
Tra le altre cose ci sono 26 scatti inediti in bianco e nero di un sorridente e scanzonato Obama al college, con cappello in testa e sigaretta in bocca, ritratto nel 1980 da una compagna di corso; una rassegna di immagini pubblicate sul popolare sito di condivisione di foto Flickr, dal quale sono state estratte 30 opere (tra cui un Obama di Lego dell'italiano Marco Pece) su 100.000 esaminate; e una raffica di video, grafici interattivi e immagini dietro le quinte.
Ma è nell'intervista esclusiva nel proprio ufficio spartano, con mobili "da istruzioni di montaggio in svedese", che Time fa [...]

Leggi tutto l'articolo