TRASPORTI, DOMANI VERTICE DAL PREFETTO

Per oltre un centinaio di marittimi della Ustica Line e Ngi la speranza è rivolta all’incontro che domani si terrà in prefettura.
  E’ stato indetto dal prefetto Francesco Alecci che ha raccolto il disperato appello dei rappresentanti provinciali sindacali che sono preoccupati alla luce del rinnovo dei bandi da parte della Regione, per la gestione dei collegamenti marittimi integrativi e di conseguenza dei tagli occupazionali che già sono stati preannunciati dalle due società private che attualmente gestiscono i collegamenti da e per le isole Eolie.
  All’incontro parteciperanno anche gli amministratori dei quattro Comuni eoliani, i sindacati, esponenti della Regione e delle compagnie di navigazione.
  L’Ustica Line che gestisce il collegamento con aliscafi e catamarani, ha già preannunciato che sono a rischio 85 posti di lavoro dei suoi marittimi.
La Ngi che garantisce il collegamento con i traghetti, ha a rischio trenta posti di lavoro.
  “Bisogna evitare a tutti i costi di arrivare a questo punto – hanno detto i rappresentanti sindacali –nell’invito rivolto al prefetto Alecci affinché si facesse promotore di una riunione.
Anche per la provincia messinese, già provata da una crisi economica sempre piu’ dilagante, sarebbe un’ulteriore mazzata”.
  Per evitare il licenziamento dei marittimi e i “tagli” nei collegamenti da e per le Eolie, sono scesi in campo anche gli amministratori dei Comuni di Lipari, Leni, Malfa e Santa Marina Salina e anche gli operatori turistici.
  Gli albergatori – tra l’altro – sono anche preoccupatissimi per la gestione della società Siremar.
A pochi mesi dall’inizio della stagione estiva infatti ancora non si hanno notizie con quali traghetti la società di Stato garantirà i collegamenti da e per Napoli che a livello turistico rappresenta la linea piu’ importante.
 

Leggi tutto l'articolo