TREMONTI da TRUMP

Giulio Tremonti sarà (forse) l'unico italiano che parteciperà all'Inauguration day, la cerimonia di insediamento di Donald Trump che si terrà il 20 gennaio.
"È la fine di un'epoca", dice l'ex ministro in una intervista al Corriere della Sera: "La fine dell'utopia della globalizzazione.
E, seppur in modo soft, questa data ha una portata storica simile alla caduta del comunismo".
"C'ero nel 2001 all'insediamento di George W.
Bush", continua Tremonti, "e ci sarò anche stavolta, invitato da esponenti del partito repubblicano e del Congresso americano". Obama, ricorda, "disse a Berlino che la vittoria di Trump non sarebbe stata la fine del mondo.
Non è stata la fine del mondo ma sarà la fine di un mondo".
"Quella che sta crollando", continua Tremonti, è una utopia.
L'utopia della globalizzazione.
Un'utopia che era stata costruita sulla base di due formule chiare e interconnesse: politically correct e responsibility to protect.
È durata vent'anni esatti.
Lanciata nel ge...

Leggi tutto l'articolo