TROPPA FINANZA UCCIDE L'ECONOMIA

La finanza è fondamentale per qualsiasi società prospera e civilizzata, ma proprio questo rende il suo abuso così pericoloso.
Ecco perché e cosa si può fare per evitare l'esplosione di nuove bolle speculative.
Sui mercati finanziari è in corso una vera e proprio escalation di attività, tanto che alcuni economisti paventano il rischio dell’esplosione di una nuova bolla speculativa.
Alcuni indicatori economici non lasciano presagire niente di buono: forse c’è già aria di tempesta.
Il Nasdaq ha raggiunto un nuovo record, ma l’economia americana è in affanno Lo scorso aprile il Nasdaq è tornato ai livelli precedenti lo scoppio della bolla Internet del 2000 e a metà mese ha raggiunto la quotazione record pari a 5056,06 con l’esultanza di Wall Street.
Tuttavia, questo risultato non riflette affatto l’andamento dell’economia reale degli Stati Uniti, perché i dati del PIL USA, relativi al 30 aprile scorso, indicano una crescita di gran lunga inferiore alle aspettative, pari allo 0,2%.
Il gruppo Mc Donald's ha annunciato la chiusura di 700 ristoranti, e entro la fine dell’anno circa la metà delle società statunitensi di fatturazione idraulica potrebbero essere fallite.
E’ in corso, perciò, un pericoloso scollamento tra il sistema finanziario e il sistema reale.
La sovrastruttura finanziaria di un paese, dovrebbe fare da volano al suo sviluppo economico, ma quando vive di vita propria l’economia reale corre il rischio di essere fagocitata dalla finanza.
Nel articolo di Martin Wolf questo concetto viene descritto con chiarezza: La finanza è fondamentale per qualsiasi società prospera e civilizzata, ma proprio la sua importanza rende il suo abuso così pericoloso.
I dati indicano chiaramente che un aumento del credito in rapporto al prodotto interno lordo inizialmente spinge verso l'alto la crescita economica.
Ma questo rapporto sembra invertirsi quando il credito supera più o meno la soglia del 100 per cento del Pil.
Alcuni ricercatori hanno dimostrato che una rapida espansione del credito è un indicatore affidabile dell'imminenza di una crisi.
I dati dimostrano largamente che troppa finanza danneggia la stabilità e la crescita dell'economia, distorce la distribuzione del reddito, mina la fiducia nell'economia di mercato, corrompe la politica e determina un incremento esplosivo, e con ogni probabilità inefficace, della regolamentazione», scrive Wolf.
Cosa si può fare, dunque, per evitare l’esplosione di una nuova crisi economica? La risposta è quella di liberarsi delle istituzioni troppo grandi per [...]

Leggi tutto l'articolo