Tasse: ma quanto paghiamo??

Ogni cittadino ci combatte tutti i giorni, alla fine di ogni mese facciamo sempre i conti su quanto ci rimane in tasca...e, nella lista delle spese mensili, troviamo sempre un sacco di voci riguardanti le tasse.
Quando guardiamo la nostra busta paga scorriamo una lista infinita di voci riguardanti le tasse: addizionali di vario genere, imposte sostitutive varie, imponibili sostitutive etc....
la previsione per il 2011 è che il Tax Freedom Dayè "slittato" al 24 Giugno 2011, vale a dire che tuti i lavoratori dipendenti lavoreranno fino al 23 Giugno solo per pagare tutte le tasse dovute per il 2011 e dal 24 Giugno cominceranno a riscuotere soldi "liberi da tasse".
La pressione fiscale attualmente tocca il 47,7% del reddito per un quadro, il 34,5% per un operaio.
Nel 1990 il giorno di liberazione cadeva il 7 giugno, nel 1994 il 12, nel 1998 il 17 giugno.L’aumento delle tasse è dovuto al cosiddetto fiscal drag e cioè alla progressività delle imposte sui redditi.
Ovvero la retribuzione è salita, ma nello stesso tempo è aumentata anche l’incidenza dell’Irpef perché gli aumenti sono tassati con un’aliquota più elevata.
La pressione fiscale "stringe" anche le imprese che devono fare fronte a una spesa contributiva record, stimata al 68,6% dei profitti commerciali.
le imprese italiane sono tra le più tassate al mondo secondo l'organo di rilevamento PricewaterhouseCoopers.

Leggi tutto l'articolo