Telepass lancia nuovo dispositivo valido per Francia, Spagna e Portogallo

(Teleborsa) - Viaggiare sulle autostrade italiane ed europee con lo stesso dispositivo è diventata una realtà.
Telepass, società del gruppo Atlantia, lancia il Telepass Europeo per le auto, grazie all'accordo con il gruppo francese APRR/AREA e la spagnola Pagatelia i clienti italiani possono ora viaggiare liberamente sulla rete autostradale italiana, francese, spagnola e portoghese.
Grazie a questo nuovo servizio si aggiunge a quello dedicato ai mezzi pesanti (Telepass EU) e già in vigore da oltre un anno in Francia, Spagna, Portogallo, Italia, Belgio, Polonia e Austria.
Con il nuovo Telepass Europeo per le auto, oltre al pedaggio è possibile pagare anche i parcheggi nelle città dei Paesi coperti dal servizio: alle principali città italiane come Milano, Roma, Torino, Firenze e Napoli si aggiungono 400 parcheggi in città europee tra cui Parigi, Madrid e Barcellona.
"Finalmente, grazie agli accordi con i nostri partners in Francia e Spagna - ha dichiarato Giovanni Castellucci, amministratore delegato di Atlantia - possiamo estendere il servizio Telepass per le auto anche ai Paesi con una importante rete autostradale come appunto Francia e Spagna, come già avviene per i mezzi pesanti per i quali siamo in grado, unici in Europa, di offrire un servizio di pedaggio transfrontaliero in ben 7 Paesi europei.
Con l'operazione Abertis, poi, ci aspettiamo un'ulteriore accelerazione della crescita nei sistemi di pedaggiamento e servizi associati ed un rafforzamento della nostra leadership".
Accedere al nuovo "Telepass Europeo" è facile e veloce.
Per i clienti Telepass, è sufficiente richiedere l’attivazione sul proprio contratto Telepass Family presso i Punto Blu presenti sulla rete autostradale e ottenere il nuovo dispositivo.
Per i nuovi clienti, invece, basterà sottoscrivere un contratto Telepass Family e contestualmente all'attivazione del nuovo servizio richiedere il dispositivo interoperabile.
Si tratta di un servizio pay per use, con un costo di attivazione di 6 euro e un canone aggiuntivo di 2,40 euro, solo nei mesi in cui viene varcata la frontiera.
L’importo del pedaggio estero sarà fatturato e addebitato sul proprio conto corrente insieme al pedaggio italiano e con le stesse modalità.

Leggi tutto l'articolo