Tempo – Kant, Critica della ragion pura

 Per quanto concerne le restanti affermazioni di Benini che trovo criticabili: Il senso del tempo, come il senso dello spazio tridimensionale e della causalità, sono, per usare un concetto di Immanuel Kant, a priori rispetto all'esperienza della realtà, che è fuori di noi.
Il mondo si percepisce, il tempo si sente.devo prima richiamare il concetto di tempo (e di spazio) elaborato da Kant nella Critica della ragion pura. Nella prima parte della Critica della ragion pura, detta Estetica trascendentale, Immanuel Kant (1724-1804) studia i princìpi a priori della sensibilità cioè lo spazio e il tempo, si confronta con le posizioni assunte da chi l'ha preceduto: Newton (1642 - 1727), che suppone l'esistenza di uno spazio e di un tempo assoluti; Leibniz (1646-1716), che nega che spazio e tempo siano una realtà in se stessi e propone di considerarli come semplici relazioni tra corpi.
 Kant affronta questo problema tentando di conciliare le ipotesi di Newton e Leibnitz, per lui spazio e tem...

Leggi tutto l'articolo