Tempo – Non si può sostenere l’inesistenza del tempo

 Non so cosa porti Benini ad uscire dal suo campo, quello del cervello dell'Uomo, delle neuroscienze cognitive, per attaccare le idee della Fisica, forse non comprendendo che la Fisica parla d'altro, non certo del cervello dell'Uomo.Ancora a lui la parola, quella che mi disgusta fortemente (in grassetto il suo dire più contestabile). Non si può sostenere l'inesistenza del tempo, che è una caratteristica centrale di parte della natura vivente, in base a formule matematiche.Il senso del tempo, come il senso dello spazio tridimensionale e della causalità, sono, per usare un concetto di Immanuel Kant, a priori rispetto all'esperienza della realtà, che è fuori di noi.I fisici hanno parlato e parlano del tempo senza chiedersi che cosa sia e da dove venga.
Salvo forse Einstein, la cui ambivalenza nei confronti del tempo è un capitolo suggestivo della storia della scienza e della cultura.
Le neuroscienze e la biologia comparata, con i dati della ricerca e non con speculazioni teoriche, di...

Leggi tutto l'articolo