Tempo – Sagredo critica l’improprio richiamo a Kant

 Mi piace il pensiero di Kant, per quello è stato divertente (e nostalgico) richiamarne la parte inerente il tempo (e lo spazio).Ho voluto evidenziare in dettaglio le caratteristiche del tempo e dello spazio di Kant, invece che limitarmi ad affermazioni sintetiche come: Kant interpreta l'Universo alla stregua di un meccanismo sottomesso alle leggi dell'io penso, per Kant spazio e tempo sono forme a priori della sensibilità dell'Uomo,per rendere evidente come le leggi dell'io penso, la sensibilità dell'Uomo, siano strettamente correlate a quel livello macroscopico dell'Uomo, descritto dalla Fisica Classica, da Galileo e Newton, con spazio e tempo assoluti, invariabili, separati, piatto e di 3 dimensioni l'uno, di 1 dimensione l'altro.
Logicamente correlate, aggiungo, considerato il periodo storico in cui Kant si colloca (1724-1804). Chissà cosa avrebbe pensato Kant della fisica dell'OGGI? Del tempo non unico, non assoluto, della Relatività Ristretta, che con il senso interno de...

Leggi tutto l'articolo