Tenerezza

‹‹Credo››, dice la teologa Isabella Guanzini, 44 anni, autrice di Tenerezza: la rivoluzione del potere gentile (Ponte delle Grazie) ‹‹che la sfera del politico, nel senso ampio del termine, si giochi e concretizzi in tutti i gesti e gli incontri che fanno parte della nostra giornata e della nostra vita.
Per questo la tenerezza, come approccio fondamentale all’altro, costruisce la città, lo spazio pubblico.
Questo il Papa l’ha capito molto bene.
Non è più possibile partire da concetti astratti.
Bisogna farlo dai gesti elementari, più immediati, con i quali si costruisce giorno per giorno la vita.
La tenerezza è una virtù civile in questo senso.
In ufficio, in un’aula scolastica, in ascensore o al supermercato: è lì che si costruisce la polis, cioè il vivere comune, della quale i gesti di gentilezza e tenerezza sono costitutivi››.
Dai social media ai dibattiti in televisione, sembra che l’aggressività oggi domini i rapporti… ‹‹In questo periodo storico i social network sono quasi una cas...

Leggi tutto l'articolo