Teorema

 Vorrei essere la tua ipotenusa. L'asse perpendicolare tenuto fermo aisuoi estremi e non alla vita. Poter osservare l'apice dei tuoi inchinati catetida sotto in su, come quando mi baci. E credere che il loro ipotetico prolungarsi verso l'alto non mi modifichi nell'estensione, ma nella ragione che li muove. Potremmo ruotare, di tanto in tanto ecambiare posizione. Anche se questo sarebbe possibile solo applicando un teorema estraneo alla geometria. Ma non alla mia teoria.  

Leggi tutto l'articolo