Teramo: investe un'anziana, la scarica in ospedale e sparisce

Cronaca 20 gennaio 2016 Teramo: investe un'anziana, la scarica in ospedale e sparisce Appello dei due figli dell'84enne travolta da una Mercedes beige il 22 dicembre in via del Castello: "La donna si faccia avanti o un testimone ci aiuti a trovarla, nostra madre ha subito lesioni gravi" di Antonella Formisani TERAMO.
Anziana investita in via del Castello soccorsa alla bell’e meglio dall’investitrice che la carica sulla sua auto, la porta al pronto soccorso e poi scappa.
E’ accaduto a Michelina Buonpadre la mattina del 22 dicembre.
L’anziana di 84 anni ha riportato parecchie conseguenze dall’incidente, e ora i due figli, Massimo e Mario Sulpizi, rivolgono un appello a chi l’ha investita, o anche a testimoni che possano aiutare a risalire alla misteriosa donna sulla Mercedes che ha urtato la loro madre.
«Erano fra le 10 e le 10.30 del 22 dicembre: mia madre usciva dal fioraio Rocci e si dirigeva verso bar Monblanc», raccontano i due figli, «quando una Mercedes classe A beige, guidata da una donna, l'ha urtata.
Mia madre è caduta a terra.
Pensiamo, dall’ematoma al piede, che sia stata urtata con una ruota, anche se la donna che l’ha investita dice che è stato lo specchietto laterale».
L’84enne, molto esile, è caduta dunque a terra, e non potrebbe essere altrimenti visto che ha riportato la frattura di tibia, perone e del collo del femore.
«Chi era presente all’investimento racconta», aggiungono Mario e Massimo Sulpizi, assistiti dall’avvocato Ilaria De Sanctis, «che la signora la incitava ad alzarsi e mia madre diceva di aver un dolore lancinante.
La signora ha insistito tanto, alla fine l'ha caricata sulla sua macchina e l'ha portata in ospedale, sebbene le fosse stato fatto notare che era meglio aspettare l’ambulanza del 118 Da quel che racconta nostra madre, ha fatto una prima sosta davanti al secondo lotto dell’ospedale, probabilmente incerta sul da farsi e poi è andata al pronto soccorso.
Appena arrivata ha chiamato il personale, dicendo che accompagnava nostra madre "per un atto di pietà" perchè aveva dolore a una gamba.
Così la guardia giurata ha preso la carrozzina e l'ha aiutata a farcela salire.
La guardia giurata ha detto all'infermiere al triage che la donna con la sua bontà aveva soccorso e portato in ospedale l’anziana.
L'infermiere detto alla donna: “Vada a parcheggiare e ritorni”.
L’investitrice non è più tornata».
Michelina Buonpadre è stata ricoverata in ortopedia, l’ hanno operata innestandole un’endoprotesi al femore, oltre al gesso per le altre [...]

Leggi tutto l'articolo