Terremoto Centro Italia, le vittime salgono a 291.

Terremoto Centro Italia, le vittime salgono a 291.
Mattarella: “Non vi abbandoneremo”.
Il vescovo: “Signore, che si fa?” – Cronaca ora per ora e foto Cronaca Iniziate alle 11:30 le esequie di 35 dei 49 marchigiani morti.
Il prelato: "Stare insieme è la scialuppa di salvataggio nel mare in tempesta".
Nel giorno di lutto nazionale il capo dello Stato ha visitato Amatrice, dove si contano 224 morti, e Accumoli.
Alla piccola Giorgia, salvata dopo 16 ore tra le macerie, ha regalato una bambola.
Il sindaco Pirozzi: "Lei potrebbe essere ricordato come il presidente della ricostruzione a tempo di record" Più informazioni su: Funerali, Lutto, Sergio Mattarella, Sisma, Terremoto Centro Italia “E adesso, Signore, che si fa?”.
Così il vescovo di Ascoli, Giovanni D’Ercole, durante i funerali di Statodi 35 delle 49 vittime marchigiane del terremoto del 24 agosto che si sono tenuti nella palestra del capoluogo. Ma durante l’omelia ci sono state anche parole di speranza: “Sotto le macerie c’è qualcosa che ci dice che le nostre campane torneranno a suonare”.
Poi il prelato ha invitato a “stare insieme”, perché “siamo una sola famiglia” e è questa la “scialuppa di salvataggio nel mare in tempesta”.
Alle esequie ha partecipato il capo dello Stato Sergio Mattarella, che in mattinata ha visitato Amatrice e Accumoli, e agli sfollati ha assicurato:”Non vi lasceremo soli.
Non vi preoccupate, faremo tutto il possibile per starvi vicino”.
Il presidente della Repubblica ha anche visitato i feriti del terremoto nell’ospedale Mazzoni,  regalando una bambola alla piccola Giorgia, la bambina estratta viva dalle macerie dopo 16 ore, che oggi fa il compleanno.
Presenti ai funerali anche il premier Matteo Renzi con la moglie Agnese, visibilmente commossa, i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, e il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio. I funerali religiosi delle vittime di Amatrice e Accumoli si svolgeranno martedì alle 18.
A Roma e Pomezia si sono già tenuti alcuni riti privati.
Nel giorno del lutto nazionale, il bilancio provvisorio dei morti è intanto salito a 291.
Nella notte sono stati estratti tre nuovi corpi dalle macerie dell’hotel Roma di Amatrice.
Per ora risultano essere 230, in tutto, le persone rimaste uccise nel paese del Reatino.
Restano 11 le vittime ad Accumuli e 49 ad Arquata.
Sono poi 388 i feriti ricoverati in ospedale.
Nelle zone colpite continua lo sciame sismico: dalla mezzanotte le nuove scosse sono state 92 [...]

Leggi tutto l'articolo