Terremoto di magnitudo 5 sul Pollino. Un anziano morto per infarto a Scalea

SISMA IN CALABRIA.
La terra trema all'1.05 tra Calabria e Basilicata.
Evacuato l'ospedale di Mormanno.
Scuole chiuse per due giorni.COSENZA - Una forte scossa di terremoto di magnitudo 5 è stata registrata all'1.05 di stanotte nella zona del massiccio del Pollino, al confine tra Basilicata e Calabria, tra le province di Potenza e Cosenza.
L'epicentro, secondo l'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), è localizzato tra i comuni di Mormanno, Laino Castello e Laino Borgo, nel Cosentino, e nel comune di Rotondo, in provincia di Potenza.
Successivamente ci sono diverse altre scosse, tra i 2 e i 3.3 di magnitudo.
Un uomo di 84 anni è morto per infarto a Scalea, probabilmente per la paura provocata dalla forte scossa iniziale.
L'Ingv ha spiegato che è stata colpita una zona ad alta pericolosità sismica.OSPEDALE EVACUATO, CATTEDRALE CHIUSA - Decine le chiamate alle forze dell'ordine.
Mentre la gente ha trascorso la notte in strada o nelle auto.
Secondo quanto riferito dal comandante provinciale dei Carabinieri di Cosenza, il colonnello Francesco Ferace, a Mormanno ci sono stati crolli e danni all'ospedale.
La struttura è stato evacuata a scopo precauzionale, secondo il direttore regionale della Calabria dei Vigili del fuoco Claudio de Angelis.
In tutto i malati che sono stati trasferiti sono 38, come dice la Protezione Civile a «Corriere.it».
Al momento i responsabili dell'ospedale stanno effettuando le verifiche sulla struttura.
Evacuate anche le case di riposo per anziani di Mormanno e Laino Borgo a causa delle lesioni provocate alle strutture.
Le scosse hanno lesionato la volta della cattedrale di Mormanno, che è stata chiusa.
Ad Altomonte sono crollate due abitazioni già evacuate perché danneggiate dal sisma del maggio scorso.
Crollati anche cornicioni nel centro storico.
Danneggiati il centro sanitario e il campanile della chiesa di Santa Maria della Consolazione.PREFETTO - Stamane si è svolta una riunione a Mormanno tra il prefetto di Cosenza Raffaele Cannizzaro, i responsabili dell'ordine pubblico e dei soccorsi e i sindaci di tutti i comuni interessati.
Cannizzaro ha detto: «Stiamo verificando i danni e la situazione in tutti i paesi della provincia di Cosenza, dove da questa notte sono attive squadre della protezione civile e delle forze dell'ordine.
Danni sono segnalati a Mormanno e nei paesi vicini.
Purtroppo - ha detto ancora il prefetto- a Scalea si è' registrato un morto per infarto a seguito del sisma».
«Al momento -ha poi concluso il prefetto -la situazione è sotto controllo, anche se [...]

Leggi tutto l'articolo