Terrore sul bus, la testimonianza della bidella che era sul bus

Crema, 21 mar.
(askanews) - "Ho questa immagine davanti a me di un'ora di strada vissute con un coltello alla gola e una pistola".
A parlare è Tiziana Magarini, la collaboratrice scolastica della scuola media di Crema che era assieme ai 51 piccoli studenti sul bus sequestrato mercoledì 20 marzo 2019 dall'autista italo-senegalese Ousseynou Sy.
La donna è stata l'ultima a lasciare il bus in fiamme dopo aver fatto scendere tutti i ragazzini.
Appena dimessa dall'ospedale San Raffaele di Milano, dov'era stata ricoverata per accertamenti, ha ancora negli occhi il terrore di quegli attimi.
"Ha legato alle porte i miei 2 colleghi uomini - ha spiegato - e me, come donna, mi usava per spargere la benzina su tutti i sedili e nel corridoio del pullman e sulle tende per coprire il pullman dalla visione dall'esterno".
Ousseynou Sy si è servito di Tiziana Magarini per tenere sotto controllo i suoi giovani ostaggi.
Intimandole di immobilizzarli.
"Legarli tutti e azzittirli.
Ho fatto quello che ho potuto fare allentando un po', infatti si sono riusciti a liberare", ha raccontato.
L'autista ha chiesto anche alla donna di sequestrare i cellulari ai ragazzi ma lei a qualcuno l'ha lasciato con uno sguardo d'intesa e ha lasciato acceso anche il suo nella speranza che qualcuno ascoltasse e desse l'allarme mentre lei lottava la tra la paura e la necessità di mantenere il sangue freddo per gestire la situazione a bordo del pullman che diventava sempre più tesa.
"Panico, panico e urla, non riuscivo più a tranquillizzarli - ha concluso - dopo sono stati bravissimi, hanno eseguito tutto quello che io davo per far capire con gli sguardi che se stavamo tranquilli le cose si sarebbero risolte alla svelta".

Leggi tutto l'articolo