Tesi di Laurea. La comunicazione in Rete.

Nella presente ricerca si analizzerà il fenomeno attuale della virtualizzazione della comunità in generale.
Lo scopo principale dell’indagine è capire se l’utilizzo di diverse tipologie di comunicazione mediate dalla tecnologia avviene da parte di target d’utenza sostanzialmente differenti.
Se le giovani generazioni, che sono la parte più massiccia degli utilizzatori di queste nuove forme di comunicazione, partono o no da una simile esigenza di comunicare, se presentano lacune nella propria vita sociale o se avvertono particolari ripercussioni su di essa in seguito all’utilizzo costante dei new media.
Se riscontrano un’allargamento delle proprie possibilità di vita di gruppo grazie alla trasposizione delle conoscenze fatte on-line nella propria socialità reale.
Se è una motivazione ricorrente, di questo genere di comunicazione, la ricerca di un nuovo gruppo amicale; se il fine è giocare a fare conoscenza, trovare un amico virtuale col quale interagire via chat o via SMS, o conoscere persone con le quali stabilire un rapporto duraturo, reale.
D’altra parte, non sarebbe una necessità inedita: già molti anni fa, opportunità alternative di fare conoscenza, addirittura di cercare moglie, si sono cercate attraverso annunci sul giornale.
La raccolta di dati, tramite lo studio di due casi, sulla modalità di creazione di gruppi di persone tramite l’uso di chat-line e forum, avrà lo scopo di osservarne la configurazione strutturale e cogliere eventuali differenze rispetto ai gruppi di interazione a faccia a faccia; inoltre cercherà di verificare se è plausibile riportare le eventuali differenze riscontrate alla diversità di contesto comunicativo e di medium usato per l’interazione.
verranno riportati i risultati di un’inchiesta campionaria somministrata on-line.
In particolare, il questionario mirerà a far luce sull’utilità riscontrata dall’utenza nei nuovi modi di comunicare come le chat, i forum e i messaggi SMS.
Si rivolge un doveroso ringraziamento alla community Digiland del portale Libero.it per la preziosa collaborazione.
La comunicazione La “freddezza” del medium tecnologico ha portato molti studiosi ad implicare demagogicamente la “freddezza” dell’utente, soprattutto dell’utente di comunità virtuali.
Si ha motivo di ritenere, e si cercherà di dimostrarlo nello studio empirico, che l’interazione virtuale non esclude la comunicazione a faccia a faccia o la vita sociale nel vecchio senso del termine e se esistono eccezioni, che esse non raggiungono la significatività statistica e non [...]

Leggi tutto l'articolo