Tesina sulla Russia

RUSSIA   Territorio   Vasto: comprende 11 fasce orarie, appartiene all'Europa e all'Asia.
Territorio prevalentemente pianeggiante (antico), un ruolo importante lo hanno avuto le glaciazioni.
Grande varietà climatica che va dal clima artico al clima desertico e al clima subtropicale nelle coste del Mar Nero.
Il fattore climatico più importante è la continentalità perché è bagnato da mari molto freddi, le catene montuose bloccano ai confini le correnti umide.
La Russia è ricca di fiumi però non completamente utilizzabili (sia per vie di trasporto che per l'elettricità), nascono a sud e sfociano a Nord quindi si creano zone paludose nella parte settentrionale perché i fiumi esondano.
Si voleva deviare il corso dei fiumi verso il lago d'Aral ma ci sarebbero state conseguenze gravi.
Il territorio è molto ricco di risorse (oro, petrolio, carbone, ferro, gas naturale).
  Popolazione   È multietnica con prevalenza slava legata ad un processo d’espansione del nucleo originario (conquista del territorio inglobando popolazioni diverse).
Lingue e religioni sono molto diverse tra di loro, alcune etnie rivendicano autonomia da Mosca (Cecenia, regione della Russia che richiede autonomia).
Nella parte europea i tassi di natalità sono vicini a quelli dei paesi sviluppati, anche se dagli anni '90 c'è stato un peggioramento.
I tassi di mortalità nelle regioni più estreme della Russia sono molto alti.
La densità media è molto bassa soprattutto per le regioni più desertiche.
  Storia   A partire dal 1400 si espande il principato di Mosca, giustificato nel tempo dalla creazione di uno Stato Pan-Slavico ma il vero motivo è la ricerca di sbocchi sul mare (mar Artico, oceano Pacifico, Mar Nero).
A partire dal 1600 inizia la dinastia dei Romanof che si prolunga fino al 1917.
Un regime assolutista con lo zar che ha pieni poteri, la corte con nobili e grandi proprietari terrieri, e i servi della gleba, la stramaggioranza della popolazione.
Pietro I il grande (1600-1700) è importante perché ha molta ammirazione per la Francia, quindi si apre verso l'Europa favorendo gli investimenti esteri, trasformazione di zone con l'apertura d’officine che però non aiutano, non c'è stata una ricaduta economica - sociale.
L'arretratezza e il disagio porta nel 1800 ad attentati e scontri e nel 1905 alla concessione da parte dello zar della duma (parlamento russo), il popolo viene rappresentato ma solo da nobili e aristocratici prevalentemente, non c'è suffragio universale.
Nel 1917 c'è la rivoluzione d'ottobre: uccisione dello zar e [...]

Leggi tutto l'articolo