Tesla Roadster

Se siete curiosi di vedere da vicino una sportiva che fa gli 0-100 in meno di quattro secondi senza emettere un rumore, se non il sibilo aerodinamico dell'accelerazione, allora non perdetevi la Solar Expo, fiera internazionale dedicata alle energie rinnovabili in programma a Verona dal 7 al 9 maggio.
  Nello stand della Energy Resources, azienda attiva nella progettazione e installazione di sistemi fotovoltaici, geotermici, eolici, domotici in edifici industriali e residenziali, farà il suo esordio in Italia la Tesla Roadster, la due posti puramente elettrica prodotta dal piccolo costruttore californiano Tesla Motors e già in vendita negli Stati Uniti.
La Roadster, spinta da un motore elettrico da 248 CV alimentato dall'incredibile numero di 6800 batterie stilo agli ioni di litio, adesso si può acquistare anche nel nostro Paese.
La curiosità di chiunque a questo punto è: come si acquista? Dimenticate, per ora, il tradizionale concessionario.
Chi vuole una Roadster deve visitare il sito www.teslamotors.com, scegliere la versione e poi cliccare sul pulsante Buy (acquista).
Dopo aver compilato una maschera con le vostre generalità, vi sarà chiesto di accettare i termini del contratto e di versare un deposito di 9.900 euro come caparra confirmatoria.
A tre mesi dalla consegna la Tesla richiederà il saldo, escluse le tasse che andranno versate soltanto al momento della consegna.
Ordinando l'auto oggi, la si avrà più o meno a fine anno.
E dove si ritira la macchina? Per ora esiste uno show room a Montecarlo, nel Principato di Monaco, dove risiede anche il responsabile per i mercati francese e italiano, Simon Rochefort.
Dall'anno prossimo dovrebbe aprire un punto vendita in Italia, probabilmente a Milano, ma la decisione finale non è stata ancora presa.
Per quanto riguarda l'assistenza, avverrà a domicilio con meccanici che partiranno da Montecarlo.
La Tesla Roadster, secondo quanto dichiara il costruttore, garantisce un'autonomia di 400 km prima di dover essere ricaricata in tre ore attraverso una colonnina di ricarica rapida, in dieci ore alla presa di corrente di casa.
Ma, attenzione, con la portata contrattuale di 3 kW, la più diffusa in Italia, i tempi possono salire a 15 ore.

Leggi tutto l'articolo