The Captive - Scomparsa, recensione di Biagio Giordano

The Captive - Scomparsa, di Atom Egoyan, con Ryan Reinolds, Scott Speedman, USA, 2014, thriller, 113 minuti
Nel nord degli Stati Uniti, in una zona particolarmente nevosa e ventosa, avviene, in un giorno qualsiasi d'inverno, uno spaventoso rapimento.
L'attività criminale è favorita da un territorio composto da gruppi di abitazioni sparse, del tutto prive di strutture pubbliche accentrate addette all'amministrazione e partecipazione culturale dei cittadini cosa che favorirebbe una maggior coesione sociale.
Viene colpita una famiglia proletaria, fortemente indebitata, a cui portano via la figlia di 9 anni. Il drammatico fatto accade durante l'acquisto del padre in un negozio periferico: la figlia era sdraiata nei sedili posteriori dell'auto parcheggiata davanti al negozio, lasciata imprudentemente con le portiere accessibili.
Il padre, rientrato dopo pochi minuti nell'auto, nota la scomparsa della figlia, ma seppur preoccupato appare ancora fiducioso di trovarla, pensa infatti a uno sche...

Leggi tutto l'articolo